TORINO, CITTA' MILLENARIA

VENERDÌ 01 NOVEMBRE – Trasferimento in pullman da S. Pietro ore 07.00 circa per la stazione di Bologna Centrale. Treno Altavelocità Frecciarossa per Torino Porta Susa, con partenza ore 08.30 e arrivo dopo 2 ore di viaggio.
Trasferimento in Hotel 3*, consegna dei documenti alla reception per la registrazione. Deposito valigie e inizio della visita della città. N.B.: LE CAMERE VENGONO RILASCIATE DAGLI OSPITI DELL’HOTEL ALLE ORE 11. AL NOSTRO ARRIVO, POTREBBERO NON ESSERE PRONTE E INFATTI, DI NORMA, VENGONO CONSEGNATE DOPO LE ORE 14.00. RITIREREMO LE NOSTRE CHIAVI  AL RIENTRO IN HOTEL, NEL POMERIGGIO.
Durante questa prima giornata visiteremo a piedi la città e i suoi luoghi principali (tot. circa 6km a piedi)
√ IL DUOMO DI TORINO. Prima dell’attuale edificio rinascimentale, sorgevano qui tre chiese edificate a partire dal IV secolo, che vennero poi demolite ma i cui resti archeologici sono visibili nel sotterraneo Museo Diocesan. La Cattedrale venne costruita a partire dal 1491 per volontà del Vescovo di Torino, Domenico dalla Rovere, ed eseguiti da un architetto toscano che portò così in Piemonte le nuove forme del Rinascimento.
√ LA CAPPELLA DELLA SINDONE. Il capolavoro barocco di Guarino Guarini, dichiarato patrimonio mondiale UNESCO dal 1997, è un gioiello tutto da vedere con il suo prezioso marmo nero venato di grigio, gli stupendi archi e pilastri, i giochi di luce, le statue, la fitta trama di segni allusi, i capitelli bronzei con i simboli della Passione. Chiuso inizialmente nel maggio 1990 quando si staccò un pezzo di marmo, fu poi tragicamente danneggiato da un incendio nel 1997, che portò ad un lungo restauro terminato solo nel 2018.
√ PIAZZA SAN CARLO. Chiamata “il salotto di Torino”, questa Piazza è certamente una delle più belle e importanti della città, la cui storia è legata alle vicende della famiglia Savoia. Venne inaugurata nel 1638 e rappresentava il desiderio del Duca di Savoia di espandere la città verso Sud, dopo che Torino divenne capitale del regno. Troviamo al centro una statua equestre di Emanuele Filiberto, mentre, sul lato sud della piazza, si trovano le due chiese gemelle in stile barocco. Qui sono nati alcuni dei caffè storici di Torino, come il Caffè San Carlo e il Caffè Torino.
√ PIAZZA CASTELLO. La piazza fu progettata dall’architetto Ascanio Vitozzi nel 1584. Centro della vita aristocratica durante il regno sabauda, Piazza Castello è ancora oggi il centro nevralgico della città di Torino. Circondata da eleganti portici, vi si affacciano alcuni dei monumenti più importanti della città, come il Palazzo Reale, il Teatro Regio, tra i più importanti teatri lirici d’Italia, Palazzo Madama, che fu sede del Senato Subalpino, la Real Chiesa di San Lorenzo, dove fu ospitata per un periodo la Sacra Sindone appena giunta a Torino e che oggi ospita la copia del sacro telo da poter visitare quando non c’è l’ostensione dell’originale.
Passeggiando per la città, sarà d’obbligo attraversare le Gallerie di Torino, affascinanti gallerie, che ricordano i tipici “passages” di Parigi, passaggi appunto tra i palazzi. Coperte da vetri che lasciano passare la luce del sole illuminando i bellissimi interni, le gallerie sono una curiosità architettonica che fa parte della storia del capoluogo piemontese. Le gallerie di Torino sono tre: la Galleria Subalpina, la Galleria Umberto I e la Galleria San Federico.
Sosta per un caffè in uno degli storici caffè torinesi come il Caffè Confetteria al Bicerin, nato nel 1793 e caffè prediletto di Camillo Benso Conte di Cavour. La sua specialità è ovviamente il “Bicerin”, tipica bevanda calda torinese a base di caffè, cioccolata e crema di latte, di cui il locale detiene la ricetta originale. Altro importante caffè è il Baratti & Milano, aperto dal 1875 e divenuto poi il fornitore della Casa Reale.
Spostamento a piedi (2,5km da Piazza Castello) oppure con i mezzi pubblici al PARCO DEL VALENTINO, il più famoso e antico parco pubblico della città. E’ situato lungo la sponda sinistra del Po, tra i ponti monumentali Umberto I e Isabella, e in affaccio sulla collina. Le sue origini risalgono al Medioevo, quando era in uso in zona il toponimo “Valentino”, che dal ‘600 venne ad indicare il castello dei Savoia (Castello del Valentino, una delle Residenze Reali dei Savoia, Patrimonio Mondiale UNESCO). Ma è nella seconda metà dell’800, con l’abbattimento delle mura voluto da Napoleone, che inizia per Torino una nuova fase urbanistica: è in questo momento che nasce il verde pubblico in senso moderno, e la Città pensa in questo senso alla zona attorno al Castello del Valentino. I lavori si avviarono nel 1863-1864,  ispirandosi ai principi del parco “all’inglese”, realizzando una perfetta sistemazione di viali, boschetti, vallette artificiali, un piccolo galoppatoio e un laghetto, poi prosciugato. All’interno del parco troviamo inoltre il famoso “Borgo Medievale”, un museo a cielo aperto che permette di viaggiare nel tempo e nello spazio, tra portici, fontane, botteghe artigiane, giardini e un castello. Il Borgo Medievale nacque nel 1884 per riprodurre un borgo feudale del XV secolo. Il 12 dicembre 1882 si pose la prima pietra del Castello, sei mesi dopo si pose la prima pietra del villaggio e il 27 aprile 1884 venne inaugurato alla presenza dei sovrani d’Italia, Umberto e Margherita di Savoia.
Durante la giornata, sosta e tempo a disposizione per il pranzo libero e per visitare i vari monumenti della città sopra descritti (eventuali ingressi extra a pagamento in loco). Rientro in hotel, sistemazione nelle camere e cena. 
 
SABATO 02 NOVEMBRE – colazione in hotel. Giornata dedicata a due grandi e importanti Musei di Torino: il MUSEO EGIZIO e il MUSEO DEL CINEMA CON LA SALITA AL TEMPIETTO DELLA MOLE ANTONELLIANA (con ascensore).
Visita guidata all’interno del Museo Egizio (durata 90min), il più antico museo del mondo dedicato interamente alla cultura egizia. A partire dalla sua fondazione (1824), il Museo Egizio ha avuto sede nel palazzo denominato “Collegio dei Nobili”, in cui furono esposte le prime antichità della collezione Drovetti, acquistate dal re Carlo Felice. L’edificio fu ampliato e adeguato alla nuova destinazione d’uso nella seconda metà dell’800. Già nel 1832, comunque, il Museo aprì al pubblico. Oltre alle antichità egiziane, erano presenti anche reperti romani, preromani e preistorici, insieme ad una sezione di storia naturale, il tutto arricchito da acquisizioni da collezioni minori private o tramite scambi con altri musei. Tra il 1903 e il 1937 gli scavi archeologici condotti in Egitto portarono a Torino circa 30.000 reperti. Il Museo ebbe una prima risistemazione delle sale nel 1908 e una seconda, più importante, nel 1924, con la visita ufficiale del Re. In occasione dei Giochi Olimpici Invernali di Torino nel 2006, lo statuario venne riallestito dallo scenografo Dante Ferretti.
Tra i più importanti al mondo per la ricchezza del patrimonio, il Museo Nazionale del Cinema deve la sua unicità alla peculiarità dell’allestimento espositivo. Ospitato alla Mole Antonelliana, il Museo si sviluppa a spirale verso l’alto, ripercorrendo la storia del cinema dalle origini ai giorni nostri, in un suggestivo itinerario interattivo. Simbolo della città, la Mole Antonelliana fu inizialmente concepita come Sinagoga, prima di essere acquistata dal Comune per farne un monumento all’unità nazionale. Progettata e iniziata dall’architetto Alessandro Antonelli nel 1863, venne conclusa solo nel 1889. Era, all’epoca, con i suoi 167 metri e mezzo d’altezza, l’edificio in muratura più alto d’Europa. Nel 1961, in occasione delle celebrazioni per il Centenario dell’Unità d’Italia, venne inaugurato l’Ascensore panoramico che ancora oggi permette di salire fino al tempietto, a 85 metri d’altezza e ammirare la straordinaria vista sulla città e sull’arco alpino che la circonda.
Pranzo libero durante la giornata. Rientro in hotel, tempo libero per un po’ di relax e cena.
 
DOMENICA 03 NOVEMBRE – colazione in hotel. Riconsegna delle chiavi della camera e deposito bagagli in hotel. GIORNATA LIBERA A DISPOSIZIONE PER VISITE INDIVIDUALI, FINO ALLE ORE 17.30 CIRCA (visite extra).
La città offre innumerevoli attrazioni che vi permetteranno di godere al meglio questa ultima giornata nella capitale piemontese:
i Musei Reali e la Galleria Sabauda, un progetto che conferma la centralità di Torino e del suo patrimonio artistico, architettonico e storico in ambito internazionale: circa tre chilometri di uno straordinario percorso di visita per rivivere le vicende della città, dal primo insediamento romano all’Unità d’Italia. Esso riunisce infatti in un unico complesso architettonico: l’Armeria Reale ,la Biblioteca Reale, la Galleria Sabauda, il Palazzo e i Giardini Reali, il Palazzo Chiablese, il Museo Archeologico con il Teatro Romano. Questi musei sono inseriti nel progetto nazionale delle “domeniche gratuite”. Si consiglia, nel caso, di presentarsi all’ingresso la mattina presto per evitare poi code e attese lunghe durante la giornata.
La Galleria Sabauda, edificata nel 1832 per volontà di Carlo Alberto, è da considerarsi una delle più importanti pinacoteche d’Italia con oltre 180 anni di storia e più di 700 opere di autori italiani ed europei prodotte dal Duecento al Novecento. Le opere ospitate nella Galleria Sabauda, di valore inestimabile, appartengono al Rinascimento Italiano e sono arricchite dai dipinti della scuola fiamminga e olandese.
√ il famoso Lingotto, storica e prima sede della Fiat, famoso per avere sul tetto una pista per le macchine, dove le 500 venivano testate alla velocità massima consentita dei 40km/h (oggi all’interno c’è un grande centro commerciale, un hotel con il giardino interno ma si possono ancora vedere le grandi salite eleicoidali che collegavano il reparto di assemblaggio della macchine alla pista e dove quindi le macchine salivano e scendevano).
il Museo dell’Automobile, nato nel 1932, figura oggi tra i più antichi Musei dell’Automobile del mondo e vanta una delle collezioni più rare ed interessanti nel suo genere, quasi 200 automobili originali, dalla metà dell’800 ai giorni nostri, di oltre ottanta marche diverse.
la Basilica di Superga (raggiungibile dal centro con mezzi pubblici), nata per volere del Duca Vittorio Amedeo II, a seguito di un voto fatto alla Madonna delle Grazie nel 1706, durante l’assedio dei Franco-Spagnoli in Piemonte, la cui costruzione venne affidata a Filippo Juvarra, architetto messinese di Casa Savoia.
la Reggia di Venaria (alle porte di Torino, raggiungibile con bus), costruita per volere del duca Carlo Emanuele II, che scelse Venaria, già teatro delle cacce ducali, per completare la “Corona di Delizie”, formata dalle sontuose residenze che circondavano la città. Il complesso della Reggia con l’incantevole scenario del Salone di Diana progettato a metà del Seicento da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con gli immensi volumi delle Scuderie Juvarriane, opere settecentesche di Filippo Juvarra, è considerato uno dei capolavori assoluti del barocco universale.
Ritrovo in hotel ore 17.30 circa e trasferimento alla stazione dei treni. Treno AltaVelocità Frecciarossa per Bologna, con arrivo per le ore 20.30 circa. All’uscita della stazione di Bologna troveremo il pullman ad attenderci per il rientro a casa.
La quota include:
√ trasferimento in pullman S. Pietro/Bologna Centrale/S. Pietro
√ treno AV Frecciarossa andata/ritorno in 
carrozza di 2° classe
√ hotel 3* con trattamento di prima colazione
√ camere doppie con servizi privati
√ cene con menù fisso (2 portate + dessert), bevande incluse
√ ingresso al Museo Egizio
√ visita guidata al Museo Egizio
√ ingresso al Museo del Cinema e ascensore alla Mole
√ accompagnatore agenzia
√ assicurazione medico-bagaglio
La quota non include:
√ tassa di soggiorno (da regolare in hotel al check out)
√ eventuali altre visite individuali
√ pranzi
√ assicurazione annullamento
√ mance, extra e tutto quanto sopra non specificato

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
A PERSONA
€ 350 – min.15
€ 335 – min. 25
max 30 partecipanti

 

ISCRIZIONE CON ACCONTO DI € 100 ENTRO IL 10 MAGGIO
SALDO ENTRO IL 10 OTTOBRE

 

SUPPL. SINGOLA € 50
RIDUZIONE TESSERA FERROVIERE
– € 40

%

ANDAMENTO ISCRIZIONI

PERCHE’ SCEGLIERE QUESTA GITA:

√ per un semplice motivo… perchè Torino è una delle città più belle d’Italia, arricchita da monumenti che vanno dal periodo romano ai tempi moderni, attraversando momenti storici di particolare interesse socio-politico e palazzi, reggie, castelli che fanno di questa città un vero museo a cielo aperto.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Ufficio 051 6661553
WhatsApp 342 9166091
info@mollotuttoviaggi.it